il portale italiano dell'energia eolica

Tu sei qui

Il minieolico allunga il passo

Twitter icon
Facebook icon
LinkedIn icon

Nonostante l’introduzione della tariffa omnicomprensiva il minieolico in Italia era partito con un trend di crescita piuttosto lento. Solo con l’introduzione del DM del 6 luglio del 2012 si assiste al vero sviluppo dell’eolico di piccola taglia, con una forte accelerazione negli ultimi 12 mesi che fanno registrare una potenza installata di 12 MW, con più di 210 nuove turbine di taglia fino a 200 KW.

L’ing. Luca De Carlo, responsabile Ingegneria del GSE, ha fornito alcune anticipazioni sui dati del settore nel corso del Convegno organizzato dal CPEM “Il Minieolico in Italia. Progettare il futuro”, tenutosi lo scorso 9 maggio a Solarexpo. Con una crescita del 50% ,la potenza complessivamente installata in Italia a fine marzo 2014, supera 35,3 MW, con  643 impianti, di cui un terzo beneficia degli incentivi del DM del 6/7/2012. Il 90% della potenza installata si distribuisce in egual misura nelle due fasce di potenza 20-60 KW e 60-200 KW, mentre la parte residuale riguarda le miniturbine sotto i 20 KW.

I dati del GSE danno inoltre conferma della concentrazione geografica del minieolico nelle regioni Puglia, Basilicata e Campania che, insieme, assorbono due terzi della potenza installata e poco più del 60% degli impianti realizzati. In particolare la Basilicata con il 25% dell’installato si avvicina al dato della Puglia (31%) anche se con un numero decisamente inferiore di impianti (13% contro il 36%) per via del gran numero di progetti lucani di aerogeneratori da 200 KW, entrati in posizione utile nel primo registro.

Adesso si tratta di dare continuità a questo promettente settore e sottrarlo all’incertezza del regime incentivante post 2015 e al rischio di esaurimento delle risorse di 5,8 mld annualmente disponibili  per le FER elettriche non fotovoltaiche. Con riferimento a quest’ultimo punto, il GSE stima in almeno 400 milioni di euro la disponibilità di risorse residuali, dopo quest’ultima tornata di aste e registri. Una capienza di risorse che, per quanto riguarda il minieolico fino a 60 KW, ad accesso diretto, permette di guardare con una certa tranquillità buona parte del prossimo anno.

Carlo Buonfrate

Presidente CPEM

Discutine sul forum...